L'Inghilterra scalda i motori

La coppa del mondo? Wimbledon? Il vero evento inglese dell’anno è cominciato proprio questa settimana, a Farnborough.

luglio 2018

C’è mancato pochissimo perché la coppa del mondo, il più ambito trofeo calcistico, non andasse all’Inghilterra quest’anno. Poco male a conti fatti perché, oltre alle migliaia di amanti del tennis che visiteranno Londra per il torneo di Wimbledon, ce ne saranno altrettanti (e forse anche di più) che affolleranno il Salone Internazionale di Farnborough. Quest’anno, la piccola cittadina a sud ovest di Londra, ospita la settantesima edizione dell’evento di settore più importante al mondo. 

Avio Aero sarà presente per tutta la settimana all’interno del mitico chalet di GE Aviation, la struttura che ospita meeting room, una terrazza per ammirare le esibizioni in volo e un’area espositiva con le ultime novità di prodotto, tecnologia e servizi digitali offerte da GE.

GE è parte integrante della storia di Farnborough sin dalla prima edizione nel 1948: quest’anno, GE Aviation si è presentata già al primo giorno forte del suo portafoglio ordini da 200 miliardi di dollari (per la parte motori commerciali e service). A conclusione del primo giorno, David Joyce, Vice Presidente di GE e CEO di GE Aviation, ha stimato che i nuovi accordi che si chiuderanno nel corso della settimana aggiungeranno circa altri 15 miliardi  al monte ordini. Avio Aero, che all’interno del gruppo GE ha segnato una crescita dell’11% nell’ultimo anno (con un portafoglio ordini da clienti terzi pari a 2.5milardi di dollari), guarda non solo ai motori GE Aviation, cui contribuisce con i suoi prodotti di eccellenza, ma anche ad altri grandi clienti motoristi presenti all’air show. Nel mondo, l’80% degli aerei civili contiene tecnologia e componenti “made in Avio Aero”.

A proposito di programmi motoristici GE, a Farnborough quest’anno il GEnx, il LEAP (prodotto dalla joint venture con Safran Aircraft Engines, attualmente campione di vendite con ordini per 15.450 esemplari) e il GE Catalyst sono sugli scudi, generando interesse tra aerolinee e utilizzatori finali. In attesa del GE9X, il motore commerciale più grande al mondo che solo poche settimane fa ha volato  per la prima volta nei test a Victorville (California). Tutti questi motori contengono componenti come trasmissioni, turbine e combustori, disegnati, sviluppati e prodotti in Avio Aero.

Motori di ultima generazione, che dunque includono innovazioni tecnologiche all’ultimo grido: da materiali compositi, a design esclusivi e componenti prodotti con stampa 3D: negli stabilimenti italiani di Cameri e, a breve, di Brindisi. L’additive manufacturing (termine tecnico per definire quella più comunemente conosciuta come stampa 3D) permette di costruire parti di motori aerei più leggere, riducendo, per esempio, i consumi di carburante. Un grande vantaggio considerando che il carburante pesa in media per il 24% sui costi delle aerolinee.

England, start your engines_IMG1

Un altro dato rilevante che emerge dal primo giorno del salone riguarda il succitato motore LEAP, che rimpiazzerà il predecessore CFM56 sui nuovi velivoli Airbus (la famiglia A320 neo) e in esclusiva sul Boeing 737 MAX nelle quattro nuove versioni dell’aeroplano.  Boeing che ha già consegnato 165 esemplari del nuovo 737 MAX a circa 35 compagnie nel mondo (le quali hanno già trasportato 9.2 milioni di passeggeri in 60mila voli), e conta ancora 4.600 ordini da 99 clienti. I Boeing 737 MAX-8 di Aerolineas Argentinas, inoltre, hanno segnato altissime prestazioni per il trasporto a medio raggio, percorrendo la rotta di 6mila km da Buenos Aires a Punta Cana in sole 7 ore e mezza.

Il programma LEAP, di fatto, sta fortemente impegnando tutti i centri produttivi del motore, inclusi quelli di Avio Aero che producono diverse parti della turbina di bassa pressione e il combustore del nuovo motore. Oggi i volumi si attestano sui 1100 motori per il 2018 (tre volte quelli dell’anno passato) ed entro il 2020 saranno 2.000.

England, start your engines_IMG2

Ma Farnborough è anche il luogo dove le migliori menti ingegneristiche, che studiano e sviluppano i prodotti del futura dell’aeronautica, si incontrano e portano avanti progetti e programmi di ricerca: è il caso di  Clean Sky, capofila della ricerca Europea per l’aviazione e piattaforma sulla quale Avio Aero è attiva sin dal principio. L’ultimissimo progetto riguarda un nuovo super velivolo di Airbus Helicopters, il cui  mock-up venne svelato durante lo scorso salone internazionale di Le Bourget (Parigi), che si alterna anno dopo anno con quello inglese.

Ci sarà molto da vedere e da scoprire a Farnborough quest’anno, spettacoli volanti ed esposizioni sbalorditive. Nessuno farà più troppo caso, ci si augura, agli eventi sportivi appena conclusi: aerei ed elicotteri lasceranno a bocca aperta.

AUTHOR

Yari Bovalino

Tomas Kellner