Shopping sostenibile al lavoro

Prodotti e servizi del territorio direttamente in azienda, così i dipendenti Avio Aero a Pomigliano sperimentano i vantaggi della spesa Zeromiglia.

febbraio 2019

Da sempre, Avio Aero è attenta nello sviluppo di politiche che facilitino l’equilibrio tra lavoro e vita privata: negli anni, infatti, sono stati molti gli strumenti e le iniziative attivate nelle diverse sedi a favore del work life balance. Ma talvolta incidere sul quotidiano non è facile.

Quante volte la mattina, andando al lavoro, pensiamo alla lista dei fabbisogni domestici, come ad esempio: passare al supermercato, portare una camicia in lavanderia, rinnovare l’assicurazione? Tante volte, tante quante anche le volte che purtroppo non si ha il tempo di farle tutte. Avere la possibilità di migliorare alcuni aspetti lavorativi è un vantaggio per tutti: garantisce non solo una maggiore efficienza durante l’orario lavorativo, ma anche una maggiore valorizzazione e inclusione delle persone in azienda, come nelle comunità locali.

Per questo, Avio Aero ha voluto sperimentare un ulteriore strumento in favore del “work-life balance”: nella sede di Pomigliano d’Arco (Napoli) dalla scorsa metà di novembre, è stata data la possibilità ai lavoratori di poter contare su produttori, artigiani o esercenti locali per acquistare prodotti o servizi offerti direttamente all’ interno dello stabilimento durante la giornata lavorativa.

L’iniziativa è stata avviata dopo un’attenta riflessione e analisi di realtà già esistenti in Italia e in altre sedi GE. Oggi, anche i lavoratori di Avio Aero a Pomigliano d’Arco possono usufruire di servizi bancari, assicurativi, di lavanderia, e comprare freschi prodotti alimentari, tutti firmati “Zeromiglia”. Questo il nome con cui è stato battezzato il programma in azienda, proprio perché tutto il paniere di servizi e prodotti proviene rigorosamente dalla regione d’appartenenza, in questo caso, la Campania.

Vincenzo-Vegnente-in-front-of-one-of-the-little-rooms-set-for-employees-shopping

Per l’attuazione di questo progetto sono state stipulate due convenzioni ad hoc: la prima regola la collaborazione tra Avio Aero, Confartigianato e Coldiretti. La seconda regola i rapporti tra le due Confederazioni ed i loro soci. “L’aspettativa è quella di creare una processo virtuoso, attraverso le procedure e regole che abbiamo definito insieme agli attori esercenti”, spiega Cristina Faccia, Avio Aero Compliance Leader a Pomigliano.

Sin dall’inizio, vi è stata una grande curiosità e partecipazione da parte dei lavoratori che ormai quotidianamente, sfruttano con interesse e facilità i vari servizi. Alberto Riccabone, Digital Operations Manager a Pomigliano, conferma per esempio un riscontro estremamente positivo dell’iniziativa. Per lui ZeroMiglia è una di quelle cose per cui ti chiedi: come abbiamo fatto senza?

“Uso regolarmente il servizio lavanderia e mi trovo molto bene. So che anche le verdure a chilometro zero sono molto apprezzate. L’iniziativa dovrebbe certamente essere replicata negli altri stabilimenti, contribuisce a rendere il posto di lavoro, dove passiamo buona parte della giornata, un luogo migliore e più accogliente” dice Riccabone. 

Così, anche la sua collega Maria Partini, Lead Production Quality Specialist, afferma: “In termini di work-life balance questi servizi mi hanno notevolmente semplificato la vita, sarebbe bello che anche i colleghi in altre sedi giovassero di questa iniziativa. Oltre ad avere maggior tempo libero dopo l’orario di lavoro, si ha il grande vantaggio della sicurezza e certificazione di tutti prodotti alimentari”.

Alberto-Riccabone-during-his-shopping-at-work

"Uso regolarmente i servizi Zeromiglia e so che anche le verdure a chilometro zero sono molto apprezzate. Quest’iniziativa contribuisce a rendere il posto di lavoro, dove passiamo buona parte della giornata, un luogo migliore e più accogliente"

Le “botteghe” di Zeromiglia sono aperte ogni giorno della settimana, secondo un calendario che ogni mese viene aggiornato con nuovi servizi che vanno incontro ai fabbisogni dei lavoratori: ad esempio, quasi ogni giorno è possibile contattare una società assicurativa, finanziaria, o una banca on line, il martedì viene allestito nella mensa il tavolino di “Campagna Amica” dove i lavoratori possono scegliere tra i prodotti freschi della settimana. La lavanderia invece è presente il martedì e il venerdì, ogni quindici giorni, la sartoria è pronta a prendere le misure e confezionare in due settimane camicie per ogni gusto.

“L’iniziativa con Avio Aero è un’esperienza nuova per Coldiretti e Campagna Amica in Campania” dice Alessandra Nobilione di Coldiretti Campania. “Il rapporto diretto con i consumatori è un processo che sta evolvendo con successo negli ultimi dieci anni. In particolare, grazie all’introduzione legislativa della multifunzionalità agricola: il lavoro dell’agricoltore non è più unicamante rivolto ai mercati generali o alle industrie di trasformazione, e un’azienda agricola può trasformare, confezionare e vendere anche direttamente i propri prodotti. Questa è la chiave del successo di Campagna Amica, che oggi sperimenta nuovi percorsi di contatto diretto come i mercati coperti e le collaborazioni innovative con importanti aziende come Avio Aero”.

Un altro obbiettivo condiviso tra Avio Aero e Coldiretti consiste nell’avvicinare la realtà industriale di un determinato territorio a quella gastronomico-agricola. “Il rapporto tra consumatori e cibo è cambiato radicalmente negli ultimi anni, la filosofia di Chilometro Zero è nata proprio per migliorare non solo la salute e gli effetti ambientali, ma anche il legame tra cibo e territorio, tra cibo e cultura. Il trasferimento di questi valori, che entrano nella vita delle persone, nelle famiglie, nella qualità della vita, sono l’obiettivo principale che condividiamo” aggiunge Alessandra Nobilione. 

E giacché la qualità dei prodotti alimentari è centrale per il progetto Zeromiglia, ai lavoratori Avio Aero è stata offerta la possibilità di firmare e raccogliere le firme per la petizione internazionale: ‘Mangia originale, smaschera il tuo cibo’. “Si chiede all’ Europa di indicare obbligatoriamente l’origine degli alimenti in modo da proteggere la nostra salute, prevenire le frodi alimentari e garantire i diritti dei consumatori. Per fare scelte consapevoli, i consumatori devono conoscere il luogo di raccolta e trasformazione degli alimenti, l'origine degli ingredienti e le informazioni sui metodi di produzione e di lavorazione” conclude Nobilione.

The-Campagna-Amica-local-market-at-Pomigliano-plant

Analogamente, assieme a Confartigianato si collabora per creare una rete convenzionata di artigiani (muratore, antennista, barbiere, parrucchiere, estetista) situati sullo stesso territorio in cui opera Avio Aero. Enrico Inferrera, Presidente di Confartigianato Napoli, al proposito ha dichiarato: “In passato come Confartigianato Napoli abbiamo supportato iniziative simili, ma Zeromiglia è un'iniziativa più unica che rara ed è il risultato di una delle prime forme di collaborazione in Italia tra piccola impresa e grande industria. Il nostro obiettivo è di valorizzare le imprese locali e favorire la conciliazione vita-lavoro dei dipendenti, offrendo servizi diversificati.” 

Zeromiglia punta dunque a migliorarsi settimana dopo settimana: aggiornamenti frequenti sui prodotti e servizi alle persone, ricerca di nuovi fabbisogni che portano a selezionare nuovi fornitori di prodotti e servizi. “L’obiettivo” conclude Inferrera, “è valorizzare le imprese locali favorendo la conciliazione vita-lavoro dei dipendenti e offrendo nella giornata lavorativa lavori eseguito a regola d’arte grazie alla maestria dei nostri artigiani che da sempre fanno della qualità il loro marchio di fabbrica e noi siamo orgogliosi di rappresentarli.”

Zeromiglia punta dunque a migliorarsi settimana dopo settimana: aggiornando di frequente i prodotti e servizi per le persone, ma soprattutto connettendo la nostra realtà produttiva al territorio, costruendo legami e relazioni che permettono di aiutare e sostenere un contesto fatto di piccole realtà, di far decollare l’economia solidale.

AUTHOR

Vincenzo Vegnente & Domitilla Fracassi