Innovare per l'ambiente

Un'intervista speciale con Michael Gill, Direttore Esecutivo di Air Transport Action Group, l'associazione mondiale che punta a un futuro più sostenibile per l’aviazione e la sua industria.

aprile 2019

L'impatto dell’uomo sull’ambiente è uno dei temi più dibattuti del secolo in cui viviamo. Il crescente livello globale di emissioni inquinanti, la crescente riduzione dello strato di ozono e il conseguente aumento delle temperature sono una delle minacce più spaventose per l’umanità. Entro il 2040, si prevede che le emissioni di CO2 e NOX aumentino rispettivamente di almeno il 21% e il 16%.

In tale contesto, il settore del trasporto aereo è responsabile del 12% delle emissioni di CO2 di tutte le fonti di trasporto e rappresenta circa il 2% di tutte le emissioni di CO2 generate dall'uomo. Tra il 2014 e il 2017, il numero di voli è aumentato dell'8% e, secondo le più probabili previsioni, crescerà del 42% dal 2017 al 2040.

Nel 2008 però, i principali attori del settore hanno implementato un piano d’azione per il clima basato su tre obiettivi a livello globale, sposati poi dall’intero comparto industriale. Per raggiungerli, il settore ha avviato una strategia collettiva che tiene conto di ogni via utile a ridurre le emissioni. Molte misure sono già state adottate da alcuni anni, infatti un solo viaggio aereo di oggi produce quasi la metà di CO2 rispetto allo stesso viaggio nel 1990.

ATAG (Air Transport Action Group) è l'associazione internazionale senza scopo di lucro che rappresenta tutti i settori dell'industria del trasporto aereo. Fondata nel 1990 e con sede a Ginevra (Svizzera), la sua missione è di promuovere la crescita sostenibile dell'aviazione a beneficio della società globale e, per fare ciò, riunisce tutti gli attori del settore aeronautico affinché possano parlare a una sola voce.

ATAG-in-60-seconds

ATAG sostiene un'azione coordinata su questioni strategiche che richiedono un coinvolgimento intersettoriale e contribuisce ai dibattiti pubblici sulle politiche: mobilita l'industria aeronautica verso una visione comune, conducendo studi appropriati per sviluppare dati coerenti, previsioni e informazioni (liberamente accessibili), come spiegato brevemente dal suo Direttore Esecutivo, Michael Gill. Inoltre, ATAG organizza anche eventi globali come il Sustainable Aviation Summit annuale che unisce l’industria in nome dell’obiettivo comune di affrontare l’impatto climatico causato dal settore stesso.

D’origine britannica, nominato direttore nel 2013, Gill vanta un percorso carrieristico di notevole prestigio in diversi paesi europei. Ha iniziato come avvocato libero professionista per l’aviazione, poi in qualità di Senior Legal Counsel presso International Air Transport Association (IATA) ha supportato il portafoglio di relazioni esterne collaborando anche con l'agenzia specializzata delle Nazioni Unite ICAO (International Civil Aviation Organisation).

"L'impostazione degli standard mondiali ICAO è cruciale per un settore veramente globale come l'aviazione", afferma Gill. "Grazie agli accordi stipulati in ICAO, un velivolo può attraversare lo spazio aereo di diversi paesi certo di poter affidarsi a sistemi di navigazione e comunicazione, disporre di carburante lungo il percorso, e certo che i piloti possano riconoscere qualsiasi segnale e manovra ovunque atterrino.” 

Avio Aero è membro di ATAG, quali altre società fanno parte dell'associazione e cosa significa per loro?

"ATAG ha membri in tutto il mondo: aeroporti, compagnie aeree, produttori di strutture aeronautiche, motori (o relativi componenti) e aerei, fornitori di servizi di navigazione aerea, camere di commercio, partner turistici o commerciali e trasporti terrestri. La nostra associazione offre l'opportunità di far parte di un gruppo unico nel quale le principali organizzazioni e aziende aeronautiche globali collaborano per realizzare un futuro sostenibile nel trasporto aereo ".

Michael Gill Executive Director of Air-Transport-Action-Group

"Per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile ONU, l'aviazione dovrà investire in innovazione tecnologica, nuovi carburanti bio-sostenibili e tecniche rivoluzionarie di design"

Guardando ai prossimi 10 anni, quali sono gli obiettivi e le misure principali di ATAG per raggiungerli e in che modo questi obiettivi affronteranno le principali sfide sostenibili nel settore dell'aviazione?

"Nei prossimi anni, l'industria continuerà a migliorare l'efficienza del carburante per raggiungere il suo primo obiettivo per il clima: un'efficienza del carburante dell'1,5% entro il 2020. Questo obiettivo è già stato superato con un miglioramento medio del 2,3% annuo. L'efficienza del carburante verrà ulteriormente ottimizzata tramite una serie di misure che investono tecnologia, operazioni e infrastrutture. A medio termine, l'industria continuerà a lavorare per raggiungere il secondo obiettivo per il clima: crescita a emissioni zero dal 2020 in poi. Per fare questo, l'industria aeronautica ha invitato l'ICAO a stabilire una misura basata sul mercato globale: la prima misura globale per il carbone per qualsiasi industria. A partire dal 2020, le compagnie aeree di tutto il mondo compenseranno le loro emissioni di CO2 secondo lo schema di compensazione conosciuto come CORSIA (Carbon Offsetting and Reduction Scheme for International Aviation). Il settore prosegue nell’implementazione di CORSIA, ad esempio, attraverso la costruzione di capacità e il sostegno verso ICAO”. 

Gli obiettivi di sviluppo sostenibile sono al centro della vostra missione, quali sono e quali funzioni svolgono?  

"Nel 2015, i governi di tutto il mondo, attraverso le Nazioni Unite, hanno concordato l'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. Questo programma è inquadrato da 17 Sustainable Development Goals (SDGs), che puntano a stabilire le priorità e a stimolare l'azione in aree di importanza critica: persone, pianeta, prosperità e pace. Questi non sono solo obiettivi che il sistema delle Nazioni Unite deve prendere di mira, ma una struttura per un'azione allineata in tutte le parti della società. Il settore privato ha un'influenza considerevole su quanti obiettivi possono essere realizzati, e come sul beneficio che può trarre. Esiste l'obbligo per tutte le aziende e i settori industriali di considerare non solo la massimizzazione del profitto nella strategia aziendale. L'industria aeronautica globale è ovviamente allineata con l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile. L'analisi mostra che l'industria del trasporto aereo globale ha un ruolo chiave nel supportare 15 dei 17 SDG. Come mezzo di collegamento tra le nazioni, l'aviazione è un settore chiave per lo sviluppo economico e sociale. Collaborando con governi e istituzioni intergovernative, il trasporto aereo sta lavorando per rafforzare il suo già importante ruolo nel guidare lo sviluppo sostenibile". 

Siccome le emissioni dei voli aumentano e il numero di passeggeri delle compagnie aeree dovrebbe raddoppiare entro il 2037, alcuni esperti pensano che dovremo ridurre la misura in cui voliamo: qual è la sua idea di futuro dell'aviazione?

"L'obiettivo a lungo termine dell'industria è quello di ridurre le emissioni di CO2 dal 2050 della metà rispetto a quelle del 2005. Si tratta di un obiettivo ambizioso in un settore in crescita, ma l'industria è consapevole della propria responsabilità nel ridurre l'impatto sul clima ed è desiderosa di intraprendere questa sfida. Per raggiungere tale obiettivo, l’aviazione dovrà continuare a essere un leader mondiale nell'innovazione tecnologica. Le riduzioni più significative nelle emissioni saranno raggiunte grazie a nuovi carburanti bio-sostenibili. Alcune organizzazioni di R&S stanno anche esplorando nuovi design rivoluzionari, che cambieranno proprio i paradigmi dell'aviazione ". 

Cosa pensa dello sviluppo della futura mobilità aerea, elettrica o ibrida, e della componente digitale?

"Gli aerei elettrici e ibridi promettono un modo più ecologico di viaggiare. Ci si aspetta che gli aerei elettrici possano sostituire piccoli velivoli regionali a corto raggio nei prossimi decenni, mentre gli aerei a medio e lungo raggio (che generano circa l'80% delle emissioni) continueranno a usare combustibili liquidi per più a lungo. Fortunatamente, l'industria ha lavorato sodo anche per una transizione energetica di questi combustibili. Fino al 2011 non esisteva alcuna alternativa certificata al combustibile fossile tradizionale per il trasporto aereo. Tuttavia, le compagnie aeree sono ora in grado di sfruttare nuove fonti di energia: carburanti bio-sostenibili (SAF, sustainable aviation fuels). I SAF possono contenere fino al 80% di carbone in meno rispetto ai combustibili fossili. Più di 40 compagnie aeree hanno utilizzato i SAF dal 2011. Compagnie aeree, aeroporti, produttori, fornitori e governi stanno sempre più cercando di capire che ruolo giocare nel promuovere il commercio di questi carburanti. Sono già stati fatti progressi in questo nascente settore, in particolare negli ultimi cinque anni, e questo rende il futuro promettente ".

Airport sustainability is among the most relevant targets

Quando viaggia in aereo a cosa presta maggiore attenzione? Che consigli ha per chi viaggia molto?

"Fare bagagli leggeri e assicurarsi di compensare le emissioni di carbonio del proprio volo. Ma, soprattutto, godere della meraviglia del volo e della nostra abilità di collegare le persone. Collaborando tutti insieme saremo in grado di rendere la connettività più facile e più sostenibile, perciò tutti gli sforzi devono concentrarsi su un futuro verde per l’aviazione!" 

“L'aviazione ha uno dei piani di azione per il clima più chiari e più estesi di qualsiasi altra industria globale", afferma Gill. Tutti gli attori del settore sono dunque chiamati a impegnarsi in tal senso e a investire in un futuro più verde per il volo.

AUTHOR

Domitilla Fracassi